PostHeaderIcon Calcolo del contributo unificato 2014 - spese di giustizia avanti il Tribunale e il Giudice di Pace

FacebookTwitter

AGGIORNATO al 25 GIUGNO 2014, secondo le modifiche introdotte dal Decreto Legge 24 giugno 2014, n. 90 recante “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari”.

Le seguenti tabelle contengono gli importi relativi al versamento del contributo unificato per le spese di giustizia, a seconda del valore o del tipo di procedimento. Sono indicati sotto le tabelle i casi in cui l'importo è dimezzato e i procedimenti esenti dal versamento del contributo unificato.

Per scaricare il modulo per il versamento del contributo unificato clicca qui.

Gli importi per il calcolo del contributo unificato (di cui al Testo Unico sulle spese di giustizia - D.P.R 30 maggio 2002, n. 115) sono aggiornati al Decreto Legge 24 giugno 2014, n. 90 recante “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari”, pubblicato in G.U. 24.06.2014, n. 144, che ha comportato un aumento medio del contributo unificato del 15% circa.

Si ricorda che gli importi del contributo unificato dovuti per i procedimenti di appello e di impugnazione in generale sono ora aumentati del 50% e gli importi dovuti per i procedimenti avanti alla Corte di Cassazione sono raddoppiati.

Inoltre, la parte che per prima si costituisce in giudizio, che deposita il ricorso introduttivo, ovvero che, nei processi esecutivi di espropriazione forzata, fa istanza per l´assegnazione o la vendita dei beni pignorati, quando modifica la domanda o propone domanda riconvenzionale o formula chiamata in causa, cui consegue l'aumento del valore della causa, è tenuta a farne espressa dichiarazione e a procedere al contestuale pagamento integrativo.

Le altre parti, quando modificano la domanda o propongono domanda riconvenzionale o formulano chiamata in causa o svolgono intervento autonomo, sono tenute a farne espressa dichiarazione e a procedere al contestuale pagamento di un autonomo contributo unificato, determinato in base al valore della domanda proposta.

1) Procedimenti ordinari

Valore della causa Importo
Inferiore ad € 1.100,00 €          43,00
Da € 1.100,01 ad € 5.200,00 €          98,00
Da € 5.200,01 ad € 26.000,00 €        237,00
Da € 26.000,01 ad € 52.000,00 €        518,00
Da € 52.000,01 ad € 260.000,00 €        759,00
Da € 260.000,01 ad € 520.000,00 €     1.214,00
Superiore ad € 520.000,00 €     1.686,00
Valore indeterminabile (competenza esclusiva del Gdp)
€        237,00
Valore indeterminabile €        518,00

2) Procedimenti a contributo fisso

Tipo di procedimento Importo
Esecuzioni immobiliari €        278,00
Esecuzioni mobiliari con valore sino a € 2.500,00 €          43,00
Esecuzioni mobiliari con valore superiore a € 2.500,00 €        139,00
Fallimenti €        851,00
Opposizione agli atti esecutivi €        168,00
Volontaria giurisdizione €          98,00
Esecuzione per consegna o rilascio €        139,00
Separazione consensuale e divorzio congiunto €          43,00

3) Procedimenti amministrativi

Tipo di procedimento Importo
Ricorsi al T.A.R. €        600,00
Ricorsi al Consiglio di Stato €        600,00
Ricorsi Vs il silenzio amministrativo €        300,00
Ricorsi per ottemperanza del giudicato €        300,00
Ricorsi per l'esecuzione della sentenza €        300,00
Cittadinanza, ingresso, soggiorno e residenza €        300,00

4) Procedimenti in materia tributaria


Valore della causa
Importo
Inferiore ad € 2.582,28
€          30,00
Da € 2.582,29 ad € 5.000,00
€          60,00
Da € 5.000,01 ad € 25.000,00 €        120,00
Da € 25.000,01 ad € 75.000,00 €        250,00
Da € 75.000,01 ad € 200.000,00 €        500,00
Superiore ad € 200.000,00
€     1.500,00

Gli importi del contributo unificato sono dimezzati nei seguenti procedimenti:

1) Procedimento d'ingiunzione ex art. 633 c.p.c.

2) Procedimento per convalida di sfratto.

3) Procedimenti cautelari.

4) Procedimento sommario di cognizione (art. 702 e segg. c.p.c.).

5) Procedimenti possessori.

6) Giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo.

7) Giudizio di opposizione alla sentenza dichiarativa di fallimento.

8) Procedimenti di sfratto per morosità e procedimenti di finita locazione.

9) Procedimenti in materia di lavoro, quando la parte ricorrente abbia un reddito IRPEF superiore a 21.256,32 €.


Gli importi del contributo unificato sono aumentati del 50% per i procedimenti di impugnazione.

Gli importi del contributo unificato sono raddoppiati per i procedimenti avanti alla Corte di Cassazione.

 

Sono esenti dal versamento del contributo unificato i seguenti procedimenti:

1) Procedimenti già esenti ai sensi di legge e senza limiti di competenza o di valore dall’imposta di bollo o da ogni spesa, tassa o diritto di qualsiasi specie e natura.

2) Procedimenti di rettificazione di stato civile.

3) Procedimenti in materia tavolare.

4) Procedimenti, anche esecutivi, di opposizione e cautelari, in materia di assegni di mantenimento della prole.

5) Procedimenti per l'interdizione e dell'inabilitazione e dell’amministrazione di sostegno.

6) Procedimenti relativi all'assenza e alla dichiarazione di morte presunta.

7) Procedimenti relativi ai minori, agli interdetti e agli inabilitati.

8) Procedimenti relativi ai rapporti patrimoniali tra i coniugi.

9) Procedimenti di cui all'art. 3 della L. 24 marzo 2001, n. 89 (Legge Pinto).

L'utente è tenuto a verificare l'esattezza delle informazioni riportate. Gli amministratori del sito non si assumono la responsabilità per eventuali errori od omissioni. Disclaimer.

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle nostre NEWS giuridiche? Iscriviti al FEED! Oppure ricevi i nostri articoli via email cliccando qui!


COLLABORA con scadenzeprocessuali.it! Se il diritto è il tuo lavoro e la tua passione, inviaci i tuoi articoli, commenti o segnalazioni! Potranno essere pubblicati su questo sito, accanto al tuo nome e ad una tua breve biografia! Avrai ottima visibilità sul web!


Non hai trovato quello che cercavi? Continua la tua ricerca con Google!

Ultimi articoli & notizie

Diritto e social networks: la diffamazione tramite Facebook è reato anche se non si fanno nomi
02/07/2014 | dott. Antonino Calì

Chi parla male di una persona su Facebook, anche senza nominarla direttamente, ma indicando particolari che possano renderla identificabile, incorre in una condanna per diffamazione. Lo si evince da u [ ... ]


Calcolo del contributo unificato 2014 - spese di giustizia avanti il Tribunale e il Giudice di Pace
25/06/2014 | Redazione

AGGIORNATO al 25 GIUGNO 2014, secondo le modifiche introdotte dal Decreto Legge 24 giugno 2014, n. 90 recante “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’effic [ ... ]


Esame di avvocato 2013/2014 - prova di diritto civile, prima e seconda traccia
10/12/2013 | Redazione

Anche quest'anno pubblichiamo le tracce assegnate oggi 10 dicembre 2013 all'esame per l'abilitazione alla professione di avvocato. Di seguito le tracce dei pareri.


Avvocati divorzisti
Avvocati divorzisti al tuo servizio, separazioni
e divorzi a tariffe competitive. Clicca per info.
divorzio congiunto - separazione consensuale
divorzio giudiziale - separazione giudiziale
divorzio senza tribunale


Resta connesso con noi...

Add to Google

Dal glossario...
Excusatio non petita accusatio manifesta
Letteralmente scusa non richiesta, accusa manifesta. Si dice quando qualcuno anticipa le pro...
Ex abrupto
Significa improvvisamente, senza preavviso
Recesso ad nutum
Significa recesso libero, senza che sia dovuta alcuna giustificazione. Comporta che la decis...
Aberratio ictus
Comporta distrazione e indica una fattispecie penale nella quale l'agente arreca un'offesa a...
Ex ante
Espressione latina che significa letteralmente "da prima".