Website   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  



Pagine: [1]   Vai giù
  Stampa  
Autore Discussione: precetto  (Letto 7525 volte)
GIANLUCA CALO
Neofita
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 1


Mostra profilo
« inserito:: Marzo 20, 2017, 09:01:32 »

Buona sera a tutti,
premesso quanto previsto dal cpc all'art. 480; quanto disposto fra le altre dalle sent. Cass. n. 3998/2006; n. 19738/2014; n. 6544/1990; che in estrema sintesi affermano la natura stragiudiziale dell'atto di precetto benché propedeutica all'esecuzione,
(domanda) perché molti avvocati insistono che l'atto di precetto deve per forza essere redatto da un avvocato, anche indipendentemente da una sua eventuale opposizione, sostenendo che "se mai fosse possibile" redigere personalmente il precetto senza essere avvocati, in sede di opposizione la controparte rappresenterebbe al Giudice dell'esecuzione che la parte creditrice non è capace di stare in giudizio rischiando anche una denuncia penale per esercizio abusivo della professione forense?
Io ho risposto che non ero d'accordo con tale visione perché in fase di eventuale opposizione a precetto, allora si, è necessario rivolgersi ad un avvocato per insistere sulle proprie ragioni davanti ad un giudice ma prima no, in quanto il precetto non introduce un giudizio ma è fare stragiudiziale.
Perché dunque tante resistenze da parte della classe degli avvocati'? E' una questione così dibattuta o cos'altro?
Saluto e ringrazio anticipatamente
Registrato
La Community di ScadenzeProcessuali.it
« inserito:: Marzo 20, 2017, 09:01:32 »

 Registrato
Daniel8
Neofita
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 27


Mostra profilo
« Risposta #1 inserito:: Aprile 03, 2017, 11:24:53 »

Ciao Gianluca,

per quanto mi riguarda la questione non è dibattuta, né ho mai sentito di colleghi che la pensino diversamente; l'atto di precetto può essere tranquillamente redatto e notificato dalla parte personalmente, senza la rappresentanza tecnica di un avvocato.

Che poi sia più opportuno che lo rediga un legale è un altro discorso, visti i rischi di nullità ove non sia perfettamente corretto.

Naturalmente poi, in caso di opposizione, la parte dovrà rivolgersi a un avvocato non potendo stare in giudizio personalmente.
Registrato
Giurista anonimo
Neofita
*

Popolarità: 0
Scollegato Scollegato

Messaggi: 4


Mostra profilo WWW
« Risposta #2 inserito:: Dicembre 17, 2017, 09:44:29 »

Concordo con l’intervento sopra, nulla osta a che sia redatto dalla parte personalmente, ma visti i tecnicismi (ad esempio una parte sa che deve inserire la menzione sulla crisi da sovrindebitamento?) meglio che a redigerlo sia un avvocato


Anche se, a dirla tutta, ormai con tutti i modelli che circolano sul web non è impossibile che si faccia da sè.


Cordialmente
Registrato

Le ultime novità sul mondo del diritto e dell’esame avvocato
La Community di ScadenzeProcessuali.it
   

 Registrato
Pagine: [1]   Vai su
  Stampa  
 
Vai a:  



Powered by ScadenzeProcessuali.it
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.14 | SMF © 2006-2009, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!


L'ultima visita di questa pagina da Google è stata il Dicembre 28, 2018, 05:26:51