Website   Home   Guida Ricerca Agenda Accedi Registrati  



Pagine: [1] 2 3 ... 10
 1 
 inserito:: Agosto 08, 2018, 06:56:31  
Aperta da tullia - Ultimo messaggio da tullia
Buon giorno a tutti,
qualcuno di voi mi sa dirmi se i 60 giorni per la notifica del D.I. sono interrotti dalla sospensione feriale.
Grazie mille

 2 
 inserito:: Dicembre 17, 2017, 09:51:06  
Aperta da marystuart - Ultimo messaggio da Giurista anonimo
Io ho svolto una pratica legale abbastanza continua ma, devo essere sincero, non con grandissima passione visto che i miei obiettivi professionali sono (anzi, sarebbero, visti i tempi che corrono) altri. Affiancando alla pratica legale alcuni corsi tra cui la sspl sono comunque riuscito a conseguire l’abilitazione al primo tentativo. Per qualunque info scrivi e ti risponderò.

 3 
 inserito:: Dicembre 17, 2017, 09:48:11  
Aperta da Newbravo - Ultimo messaggio da Giurista anonimo
Vorrei chiarire una cosa a quanto precedentemente affermato


L’amministratore di sostegno, a differenza delle altre due figure menzionate (tutore e curatore), non assume la cura della persona

Ciò è molto importante riguardo ad esempio la configurabilità di taluni reati (o, altresì, di circostanze aggravanti) che richiedono la cura della persona: dette fattispecie si applicano correttamente al tutore e curatore ma non all’amministratore di sostegno. Quest’ultimo infatti assiste il beneficiario solo negli affari patrimoniali.

Quanto da me riportato è coerente con la giurisprudenza più recente e, se non erro, è stata oggetto di una traccia di diritto penale all’ultimo esame da avvocato.

Cordialmente

 4 
 inserito:: Dicembre 17, 2017, 09:44:29  
Aperta da GIANLUCA CALO - Ultimo messaggio da Giurista anonimo
Concordo con l’intervento sopra, nulla osta a che sia redatto dalla parte personalmente, ma visti i tecnicismi (ad esempio una parte sa che deve inserire la menzione sulla crisi da sovrindebitamento?) meglio che a redigerlo sia un avvocato


Anche se, a dirla tutta, ormai con tutti i modelli che circolano sul web non è impossibile che si faccia da sè.


Cordialmente

 5 
 inserito:: Dicembre 17, 2017, 09:42:50  
Aperta da Giurista anonimo - Ultimo messaggio da Giurista anonimo
Buongiorno a tutti, ho trovato stamane questo forum che mi sembra essere davvero molto interessante.

Volevo condividere su questo sito un mio articolo riguardante le domande orali più frequenti che vengono fatte all’esame orale da Avvocato.


Spero che ciò sia da ausilio alle migliaia di praticanti ed aspiranti avvocati che sono alle prese con il temuto esame di abilitazione.

Cordialmente

domande frequenti esame orale avvocato

 6 
 inserito:: Dicembre 14, 2017, 10:32:20  
Aperta da gianni polese - Ultimo messaggio da gianni polese
Salve sono un inquilino delle case popolari del Comune di Napoli.Ogni anno con l'iniziare del mese di dicembre il Comune accendeva la caldaia condominiale che alimentava l'impianto di riscaldamento.Quest'anno invece l'impianto non è stato acceso pur pagando noi regolarmente quanto dovuto.Chiesti chiarimenti ci è stato risposto che la caldaia è fuori uso per mancanza di energia elettrica in quanto il contatore è stato disattivato e l'Enel non rilascia il codice necessario per avviare l'impianto.Pare che il guasto sia stato causato da manomissione,da parte di non precisati condomini,per rubare corrente elettrica.Ora come cittadini siamo stati privati di un diritto,come possiamo muoverci?Se il Comune non ripara il guasto,ma continua ad esigere il pagamento,possiamo agire legalmente?Non sappiamo chi ha manomesso il contatore,vale la pena fare una denuncia contro anonimi?Insomma cosa possiamo fare dal punto di vista della legge?Paghiamo un servizio che non riceviamo,l'enel non interviene per ripristinare l'impianto,lo stesso il Comune.Cosa fare?Grazie

 7 
 inserito:: Aprile 03, 2017, 11:24:53  
Aperta da GIANLUCA CALO - Ultimo messaggio da Daniel8
Ciao Gianluca,

per quanto mi riguarda la questione non è dibattuta, né ho mai sentito di colleghi che la pensino diversamente; l'atto di precetto può essere tranquillamente redatto e notificato dalla parte personalmente, senza la rappresentanza tecnica di un avvocato.

Che poi sia più opportuno che lo rediga un legale è un altro discorso, visti i rischi di nullità ove non sia perfettamente corretto.

Naturalmente poi, in caso di opposizione, la parte dovrà rivolgersi a un avvocato non potendo stare in giudizio personalmente.

 8 
 inserito:: Marzo 20, 2017, 09:01:32  
Aperta da GIANLUCA CALO - Ultimo messaggio da GIANLUCA CALO
Buona sera a tutti,
premesso quanto previsto dal cpc all'art. 480; quanto disposto fra le altre dalle sent. Cass. n. 3998/2006; n. 19738/2014; n. 6544/1990; che in estrema sintesi affermano la natura stragiudiziale dell'atto di precetto benché propedeutica all'esecuzione,
(domanda) perché molti avvocati insistono che l'atto di precetto deve per forza essere redatto da un avvocato, anche indipendentemente da una sua eventuale opposizione, sostenendo che "se mai fosse possibile" redigere personalmente il precetto senza essere avvocati, in sede di opposizione la controparte rappresenterebbe al Giudice dell'esecuzione che la parte creditrice non è capace di stare in giudizio rischiando anche una denuncia penale per esercizio abusivo della professione forense?
Io ho risposto che non ero d'accordo con tale visione perché in fase di eventuale opposizione a precetto, allora si, è necessario rivolgersi ad un avvocato per insistere sulle proprie ragioni davanti ad un giudice ma prima no, in quanto il precetto non introduce un giudizio ma è fare stragiudiziale.
Perché dunque tante resistenze da parte della classe degli avvocati'? E' una questione così dibattuta o cos'altro?
Saluto e ringrazio anticipatamente

 9 
 inserito:: Giugno 08, 2015, 05:16:47  
Aperta da angelo - Ultimo messaggio da loremus


Salve, vi scrivo perchè giorno 30/05/2015, a seguito di un sopralluogo da parte delle forze dell’ordine e dei tecnici dell'Enel, oltre a portarsi via un condomino, hanno asportati i contatori dell’intero condominio. Premetto che al momento del sopralluogo non ero presente - in quanto attualmente domiciliata in Roma per motivi di lavoro - e che non mi è stato notificato nessun avviso né preventivamente né successivamente, nè è stato lasciato un numero di procedimento o di ruolo a cui fare riferimento.
Solo in maniera del tutto fortuita la scrivente è stata informata dei fatti da un’amica che attualmente si trova ospite presso l’abitazione.
Numerosi e vani sono stati i tentativi di avere informazioni dagli operatori telefonici dell'Enel.
In data 01/06/2015 una persona da me incaricata munita di delega e del mio documento d’identità si è recata presso la sede Enel di Palermo per avere chiarimenti ma la stessa veniva respinta in ossequio a non meglio specificati motivi di privacy. In data 03/06/2015 contatto nuovamente Enel s.p.a., la quale mi consiglia di recarmi presso la sede di Roma in via Nizza. In tale occasione, l’operatore, visualizzata la situazione, suggeriva alla sottoscritta, come unica strada perseguibile, di inviare un fax 800046674. Naturalmente ho provveduto immediatamente (04/06/2015) a inoltrare sia fax che A/R chiedendo di essere informata sui motivi per cui è stato eseguito il distacco del contatore e di provvedere quanto prima al ripristino della fornitura di energia elettrica sottolineando che l'abitazione non ne riceve l'erogazione a far data dal 30/05/2015 con grave disagio per chi vi abita in quanto ciò incide anche sull'erogazione dell'acqua per uso domestico e alimentare.
E' inutile sottolineare che la sottoscritta naturalmente è titolare di un regolare contratto ed ha provveduto al pagamento di tutte le bollette come risulta anche dai loro terminali e che eventualmente ho pagato anche per gli altri che si sono, a mia insaputa, attaccati al mio contatore.
Ancora oggi (08/06/2015) non sono stata informata di nulla e mi chiedo se:
1) Posso sporgere comunque denuncia alle forze dell'ordine per furto di energia contro ignoti, fermo restando di non sapere di cosa sono accusata?

2) Sono nella posizione di sporgere denuncia anche nei confronti dell'Enel?

3) Posso in questa situazione comunque richiedere un nuovo contatore visto che ero in procinto di affittare casa e ho dovuto sospendere la pratica di registrazione del contratto d'affitto poichè attualmente l'abitazione è senza luce ed acqua?

4) Può il mio eventuale inquilino, non appena registrato il contratto di affitto registrare un nuovo contratto luce a nome suo per la stessa abitazione?

5) Posso chiedere disdetta da Enel, visto il contenzioso in corso, e stipulare il contratto con un altro gestore?

6) Sono nella posizione per avviare una causa per risarcimento danni?

In attesa di un vostro riscontro Vi porgo i miei più cordiali saluti

Lorena

 10 
 inserito:: Giugno 03, 2012, 01:10:20  
Aperta da angelo - Ultimo messaggio da Daniel8
Ciao Angelo,

purtroppo con la manomissione del contatore di energia elettrica si commette un illecito sia civile, che penale; pertanto il pagamento del quantum dovuto non estingue il reato. La procura deve aver ritenuto sussistente il reato da parte tua, indipendentemente dal fatto che hai pagato quanto chiesto dall'enel, e quindi ti ha sottoposto a procedimento penale.
Ora, se vuoi evitare di pagare la multa in quanto sostieni di non avere colpa, devi farti assistere da un avvocato il quale potrà fare opposizione e dimostrare che sono stati altri a manomettere il contatore.

Saluti

avv. Daniel Cibin

Pagine: [1] 2 3 ... 10



Powered by ScadenzeProcessuali.it
Powered by MySQL Powered by PHP Powered by SMF 1.1.14 | SMF © 2006-2009, Simple Machines LLC XHTML 1.0 valido! CSS valido!


L'ultima visita di questa pagina da Google è stata il Ottobre 25, 2018, 08:03:50